Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Made for each other…Barbie, siamo di plastica ma il nostro amore è vero!

Pubblicato su da Queen G.

«L’arte, nel Novecento, ha spesso adottato il mito come fascinoso pretesto espressivo, e se Giorgio de Chirico, il pictor optimus, ha preferito volgere il proprio sguardo verso quelli dell’antichità, Andy Warhol e Roy Lichtenstein – giusto per fare due esempi – hanno talvolta assunto come “proprie” icone due leggende della loro e della nostra contemporaneità: Marilyn Monroe e la Barbie di Mattel. »

E’ così che il critico e storico dell’arte Giovanni Faccenda ha introdotto l’art event dedicato a Barbie organizzato a Milano il giorno di San Valentino. Incuriosita da quale sorpresa avesse riservato Ken alla sua celeberrima fidanzata, non ho resistito alla tentazione di andare a vedere.

Avvalendosi di uno tra i più talentuosi writer italiani, Mambo, e con la collaborazione di Dialoga Arte il fidanzato dell’amatissima bambola ha fatto realizzare un murales di circa 50 mq, per rinnovare la sua promessa d’amore. La street art, con la sua immediatezza, i suoi colori diventa così il mezzo prescelto per dire “Ti amo” in un modo sicuramente non convenzionale. “Grazie all’immediatezza e all’impatto comunicativo che contraddistingue questa forma d’arte crediamo di riuscire ad accendere l’interesse e la curiosità nei principali fan e consumer della bambola più famosa al mondo” – dichiara Flavia Fontana, fondatrice e titolare di Dialoga Arte agenzia specializzata in comunicazione integrata e progetti di Art Marketing – .

Un’opera carica di fascino e ricca di mille spunti evocativi: in essa rivive il mito di Audrey Hepburn nella memorabile scena del giro in Vespa in “Vacanze Romane”, e in “Colazione da Tiffany” (ricordate il bellissimo cappello indossato dalla protagonista?). Si riflette il desiderio di ricreare un’atmosfera anni cinquanta rivisitando il classico bianco/nero con una scala cromatica che sfuma i toni del lilla senza dire di no al tipico rosa Barbie che dà un tocco sicuramente più giocoso al classico “red carpet” (altro riferimento cinematografico) diventato “pink carpet” per l’occasione.

Ironia, romanticismo, fascino ed eleganza. Sullo sfondo la skyline di New York come simbolo fashion dei nostri giorni, una Barbie sempre bellissima che fa tornare in mente l’indimenticata principessa Grace Kelly e una dichiarazione che non lascia nulla all’immaginazione: "Forever in Love".

Che dire? Un gradevolissimo pomeriggio dove, oltre all’opera di Mambo, mi è stato possibile ammirare anche delle bellissime Barbie da collezione, oggetti di design ispirati a Barbie e scambiare quattro chiacchiere anche sul significato sociale che la bambola più famosa del mondo ha rappresentato e rappresenta tuttora.

Un evento studiato col fine di intrecciare arte, moda e design dedicato a tutti coloro che identificano in Barbie un’icona intramontabile di stile.

Made for each other…Barbie, siamo di plastica ma il nostro amore è vero!Made for each other…Barbie, siamo di plastica ma il nostro amore è vero!

Commenta il post